Archivi tag: comitato nenè corulli

Viva Vivaldi!

Standard

Martedì 4 ottobre in Sala Caminetto si è svolta la premiazione dei vincitori del nostro torneo on line Il Gioco dell’Opera, edizione 2015/2016.

premiazione-vivaldi

Prima classificata la classe IV ginnasio (attuale V) del Liceo Classico Bodoni di Saluzzo, capitanata dal prof. Diego Ponzo, con un progetto multimediale collettivo ideato dai ragazzi in sinergia con il loro insegnante. Risultato, un video dove la classe ci racconta il suo Don Giovanni, progetto “ideale” che si propone di attualizzare il grande titolo mozartiano coinvolgendo le diverse professionalità del teatro d’opera, dal Sovrintendente, al Regista, allo Scenografo. I ragazzi hanno conquistato otto miniabbonamenti alla Stagione in corso. Complimenti per l’impegno e grazie per averci raccontato anche il “dietro le quinte” del vostro lavoro con la fase di ideazione e discussione. Vi auguriamo buon lavoro per il nuovo torneo!

Secondi classificati quattro studenti del Liceo Classico Europeo Umberto I di Torino, coordinati dalla professoressa Gavinelli, dei quali abbiamo potuto leggere su questo blog due recensioni a spettacoli della nostra Stagione 2015/16. I quattro critici in erba hanno conquistato i biglietti per assistere a una prova generale.

Il primo premio è stato offerto dal Comitato Nenè Corulli e consegnato ai vincitori dai membri della giuria Professoressa Ariotti e Professor Di Nardo; il secondo premio, messo in palio dal Teatro Regio, è stato consegnato da Elisabetta Lipeti dell’Ufficio Scuole.

Concluse le operazioni di premiazione, siamo pronti per presentarvi il nuovo protagonista del torneo, da quest’anno –udite udite!- aperto anche alle scuole medie:

vivaviv.jpg

Lo riconoscete?
È proprio lui, Antonio Vivaldi.

Studiatissimo nei programmi scolastici ma nei fatti poco conosciuto e forse poco amato dagli studenti. Cercheremo, tramite gli articoli pubblicati mensilmente su questo blog e una vera e propria mini-gara da svolgere in Teatro o a scuola, di farvi conoscere un Vivaldi nuovo, inedito, frizzante come l’epoca in cui è vissuto.

Il cartellone di quest’anno ci aiuterà nel nostro progetto proponendo accostamenti insoliti e titoli rari. Siamo certi che tutti avrete sentito parlare delle Quattro Stagioni: noi vi proporremo di sommarle alle altre quattro del tango nuevo di Astor Piazzolla nello spettacolo Vivaldi e Piazzolla, le otto stagioni.

E poi, un Vivaldi non solo compositore di concerti ma anche di opera con L’incoronazione di Dario, in scena ad aprile nel corso del Festival Vivaldi che coinvolgerà tutta Torino.

Cosa dovrete fare voi? Seguirci nell’approfondimento del nostro Autore tramite gli articoli pubblicati sul blog; cimentarvi nel quiz storico-ludico-musicale del Gioco dell’Opera; inviarci, entro il 6 maggio 2017, un vostro personale elaborato creativo. Siate coraggiosi: ricchi premi attendono i vincitori.

Vi diamo quindi appuntamento tra una settimana con la prima puntata on line dal tema Vivaldi: vita, opere e miracoli musicali.

Il nuovo Gioco dell’opera

Standard

Qui in Teatro è cominciata la nuova Stagione e anche noi ricominciamo a giocare con l’opera … Forse già conoscerete il Laboratorio, il nostro appassionante torneo on line e i suoi ricchissimi premi: quest’anno seguiremo da vicino tutti i titoli che si susseguiranno sul nostro palcoscenico, pubblicando qui sul blog speciali approfondimenti per voi e lasciando libero spazio alle vostre riletture e alla vostra creatività. Quest’anno, infatti, per poter partecipare sarà sufficiente, dopo la visione dello spettacolo, partecipare (a scuola o a teatro) alla prima parte del gioco e preparare successivamente un elaborato(breve saggio, articolo, graphic novel, video…) da inviare all’Ufficio Scuole entro il 15 maggio 2015.

Il primo appuntamento on line è per la prossima settimana con
l’intervista a Walter Sutcliffe, regista di Otello.

Non mancate di leggere e commentare!

Per prenotazioni e maggiori informazioni vi rimandiamo alla pagina dedicata sul sito web del Teatro e naturalmente vi invitiamo a partecipare all’incontro di presentazione che si terrà mercoledì 15 ottobre alle ore 17 presso la Sala Caminetto. In tale occasione premieremo anche i bravissimi ragazzi del Liceo Newton di Chivasso che l’anno scorso, preparati dalle insegnanti Sabello e Calzavara, si sono aggiudicati primo e secondo posto.

Curiosi di conoscere il loro punto di vista sull’esperienza? Ce lo racconta la professoressa Antonella Perotti in un articolo pubblicato a maggio sul sito web del liceo Newton e sul giornale La Nuova Periferia:

Chi ha detto che l’opera lirica non piace ai giovani? E’ musica “antica” o meglio “antiquata” all’ascolto, solo se non viene spiegata e coltivata. Da tempo il Liceo Newton aderisce ai progetti del Teatro Regio, attività, conferenze, e soprattutto accoglie la proposta della visione di un’opera lirica per gli studenti del triennio della sezione scientifica e classica. Le classi IVB e IVA del Liceo classico quest’anno hanno partecipato al concorso “Il Gioco dell’Opera”, portando a casa rispettivamente il primo e il secondo posto a livello provinciale. La prima classificata è stata premiata con 10 mini abbonamenti alla prestigiosa Stagione lirica del Teatro Regio, e la seconda con i biglietti per una prova generale. Al di là del riconoscimento, importante, c’è la qualità del lavoro svolto dai ragazzi, guidati dalle insegnanti Simonetta Sabello e Antonella Calzavara, che da febbraio hanno seguito le tre fasi previste dal concorso: informarsi sugli sviluppi dell’opera lirica, partendo dalla nascita del melodramma nel Seicento; approfondire l’opera di Mozart e infine proporre una reinterpretazione delle biografie immaginarie delle eroine del melodramma. Le consegne hanno lasciato spazio alla creatività degli studenti che hanno saputo inventare storie e modalità di comunicazione innovative e suggestive, dalla graphic novel al video. E così che i ragazzi hanno fatto rivivere la favola di Orfeo ed Euridice, la prima storia di amore e morte della letteratura occidentale, messa in musica da Ottavio Rinuccini nel 1600. Il Dongiovanni di Mozart, protagonista dell’opera omonima, è stato ridestato per salire sul banco degli imputati e rispondere delle offese e dei crimini commessi in vita. E infine, nella terza fase, sono state le “Donne, eterni dei”, cioè le eroine del melodramma, le protagoniste dei lavori dei ragazzi. La IV A ha scelto le figure femminili del mondo classico legate alla magia, da Medea fino alla Regina della Notte del “Flauto Magico” di Mozart, della quale bisogna aver udito almeno una volta il gorgheggio ipnotico e soprannaturale, difficilissimo da eseguire per le cantanti. La IV B ha raccontato le eroine attraverso gli oggetti di scena, le collane, il diario di Violetta, “la traviata” di Verdi; dell’algida Turandot, principessa lunare, spaventata dalla possibilità di amare; alcuni allievi hanno trovato le parole della lettera che spiega le motivazione del suicidio di Cio-Cio-San, la delicata madama Butterfly, tradita dall’uomo che amava, e, scelta sui generis, per la “Norma” di Bellini hanno ricostruito gli atti giudiziari della protagonista imputata in processo controverso.

Se si leggono con attenzione i libretti operistici, al di là di qualche scelta lessicale che può suonare desueta, ci si accorge che raccontano storie drammatiche, moderne, di violenza, discriminazione, che fotografano bene le ipocrisie sociali. Insomma l’opera lirica è più attuale di quanto l’opinione comune pensi. I ragazzi, seguendo le straordinarie lezioni del personale del Regio, imparando a riconoscere il tema, l’aria di un’opera, a leggere il libretto, arrivano ad assistere allo spettacolo serale con gli strumenti per capire il genere lirico e appassionarsi.

E ogni percorso di educazione all’arte è un percorso di educazione alla civiltà.

Antonella Perotti

And the winner is …

Standard

Partecipanti al Gioco dell’Opera!

E’ con grande piacere che vi comunichiamo che, riunitasi la giuria, dopo attenta discussione il verdetto è stato finalmente emesso.

I nostri complimenti vivissimi ai PRIMI CLASSIFICATI, i ragazzi della

classe IV B
del Liceo Newton di Chivasso

guidati dalla professoressa Sabello.
Bravissimi! Vi aggiudicate 10 mini abbonamenti alla Stagione 2014-15 del Teatro Regio.
Ma la classifica non termina qui: la giuria ha infatti ritenuto di assegnare anche un SECONDO PREMIO, ai ragazzi della

classe IV A
del Liceo Newton di Chivasso

guidati dalla professoressa Calzavara.
A voi vanno i biglietti per una prova generale della Stagione 2014-15 del Teatro Regio.

Per i nostri lettori ecco un assaggio delle creazioni dei due vincitori nell’ambito della terza e ultima prova del torneo, Donne donne eterni Dei:

Classe IV B:

Lucia di Lammermoor
Norma
Violetta
Cio Cio San
Turandot

Classe IV A:

Le donne dell’arte

Grazie ancora a tutti voi che ci avete seguito, ai bravissimi partecipanti e naturalmente al Comitato Nenè Corulli per il suo indispensabile sostegno.

Al prossimo Gioco dell’Opera! Continuate a seguirci … abbiamo in serbo grosse novità per la prossima Stagione!

Les jeux sont faits!

Standard

vecchio6

Con la fine di maggio e dell’anno scolastico anche il nostro viaggio alla scoperta dell’opera italiana è terminato: consegnata anche l’ultima prova del torneo è ora di decretare i vincitori! La giuria è quest’anno composta dal prof. Manfredi Di Nardo (Comitato Nenè Corulli), prof.ssa Piera Bagnus (Università degli studi di Torino e Conservatorio di Novara), d.ssa Marina Pantano (Teatro Regio di Torino) che ringraziamo per la disponibilità. Un ringraziamento va anche a voi partecipanti che ci avete seguito con impegno: chi si aggiudicherà il primo premio? Appuntamento fra due settimane su questo blog per il verdetto finale.

Se nel frattempo desiderate ricapitolare il percorso svolto fin qui, ecco a voi le nostre quindici tappe:

 

Il gioco dell’opera: Opera begins

Monteverdi: music first

Monteverdi il moderno

Che farò senza Euridice?

Tra Sei e Settecento

Barocco e cinema

Il Settecento trionfa

… e finalmente Mozart!

Una notarella fra le note: Mozart

Rossini: il ritmo

Bellini e Donizetti: l’immaginario romantico

Verdi, il Maestro

Donne, donne, eterni Dei

Puccini, l’erede

Il Novecento di Puccini

 

Il Gioco dell’Opera

Standard

Scommettiamo che molti di voi sono convinti che parlare di melodramma significhi compassate, noiosissime serate trascorse nell’angusto spazio di un palco, sbadigliando tra un recitativo e un’aria? Se è così, presto dovrete ricredervi! Il Gioco dell’Opera, nuova appassionante sfida del Teatro Regio rivolta a classi di scuola media e superiore, nasce proprio per voi. Con questo divertente quiz impareremo a conoscere il linguaggio “tecnico” del teatro, i suoi protagonisti, compositori e interpreti; andremo alla scoperta dei trucchi del mestiere, delle convenzioni, tradizioni, invenzioni e innovazioni in modo assolutamente coinvolgente e originale. Chi ha detto che per imparare ci si debba annoiare?

Il teatro è da sempre prima di tutto un gioco: per questo il modo migliore per imparare a conoscere questo mondo speciale è proprio una sfida interattiva e fuori dagli schemi che metterà alla prova le vostre conoscenze, la vostra creatività e il vostro talento.

E siccome l’opera lirica è un’invenzione tutta italiana, cosa c’è di meglio per scoprirla della Stagione 2013-14 del Teatro Regio, dedicata ai grandi Maestri della nostra tradizione? Il Gioco dell’Opera di quest’anno, quindi, dopo il progetto pilota dell’anno scorso dedicato al bicentenario verdiano e wagneriano, estenderà il campo di gara a tutta l’opera italiana.

La sfida si compone di due fasi. La prima parte del gioco è aperta a classi di scuola media e superiore e si svolge presso i locali del Teatro: un’occasione per arricchire la tradizionale visita guidata “dietro le quinte” con un vero e proprio quiz che metterà a confronto le vostre conoscenze, la vostra intraprendenza e le vostre capacità interpretative in una gara a colpi di domande e risposte, scene e arie d’opera e trame impossibili.

Non preoccupatevi: non è necessario essere preparatissimi melomani per partecipare, l’obiettivo è imparare mettendosi in gioco!

La seconda fase della sfida consiste invece in un vero e proprio torneo, riservato alle scuole superiori, che vedrà i partecipanti condividere con noi le proprie creazioni artistiche: letterarie, musicali, grafiche, cinematografiche, secondo tre temi proposti da La Scuola all’Opera nel corso dei mesi. Non vi lasceremo soli nello studio ma se vorrete seguirci intraprenderemo insieme un percorso di approfondimento pubblicando articoli a tema a scadenza regolare su questo blog, nei quali ripercorrere le tappe e gli sviluppi fondamentali della storia dell’opera italiana: a voi  rielaborare le informazioni e proporre nuove, stimolanti chiavi di lettura nei lavori che ci manderete. La parola d’ordine è: inventiva!

La sfida è sicuramente impegnativa, ma il premio in palio ripagherà senza dubbio l’impegno richiesto: dieci abbonamenti alla Stagione 2014-15, offerti dal Comitato Nenè Corulli, costituito in memoria della professoressa del Liceo “V. Gioberti” di Torino prematuramente scomparsa. La giuria sarà composta, come l’anno scorso, da importanti nomi del nostro Teatro e dell’Università.

Ecco il riepilogo degli appuntamenti:

-Prenotazioni da lunedì 14 ottobre 2013

-Premiazione dei vincitori 2012-13 e incontro di preparazione al nuovo torneo mercoledì 30 ottobre alle ore 17 presso la Sala Caminetto del Teatro Regio

A questo punto tocca a voi: siete pronti a mettervi in gioco?

V vs W: tutti i vincitori!

Standard

Siamo finalmente giunti al verdetto finale!

Dopo un lungo pomeriggio di infervorate discussioni, la giuria, composta dal prof. Manfredi Di Nardo (Comitato Nenè Corulli), la d.ssa Marina Pantano (Teatro Regio), il prof. Ferruccio Tammaro (Università degli Studi di Torino), ha decretato i seguenti vincitori:

al primo posto la classe II C del Liceo Classico Cavour di Torino

per aver saputo mettere a fuoco nei propri elaborati il tema musicale con pertinenza e con la giusta dose di competenza. Lo stile dell’esposizione e la profondità di contenuti della prima prova e l’originalità, lo stile e la freschezza inventiva della seconda denotano l’eccellente preparazione e suppliscono la debolezza della terza nonché qualche dubbio nella cronologia degli eventi presentati.

Complimenti! I ragazzi del Cavour si aggiudicano così il primo premio, consistente in dieci abbonamenti Regione 1 o Regione 2 per la Stagione 2013 – 2014 del Teatro Regio di Torino, offerti dal Comitato Nenè Corulli.

 I premi però non sono finiti …

per la qualità, la varietà e la quantità dei mezzi tecnologici e artistici impiegati per la preparazione degli elaborati, per la creatività, le drammatizzazioni e simulazioni teatrali, per la straordinaria partecipazione e per il gioco di squadra tra le due classi

 il secondo posto ex aequo è conquistato dai ragazzi della II A e II B del Liceo Newton di Chivasso,

ai quali vanno in premio i biglietti per la prova generale di uno spettacolo della Stagione 2013 – 2014 del Teatro Regio di Torino.

supercoppa v vs w

Qui di seguito la graduatoria parziale dei primi tre classificati che ha condotto la giuria al verdetto definitivo:

I)            L’incontro impossibile:

1. Liceo Cavour;

2. Liceo Newton II B;

3. Liceo Newton II A.

II)           I personaggi impossibili:

1. Falstaff e la Valchiria, Liceo Cavour;

2. Anime di carta, Liceo Newton II B;

3. Il sogno di Saida, Liceo Newton II A.

III)          La resa dei conti:

1. Flying Dutchmen, Liceo Newton II A;

2. Opera’s Got Talent, Liceo Newton II B;

3. Verdi&Wagner, la resa dei conti, Liceo Cavour.

E’ possibile visionare gli elaborati dei vincitori cliccando sui relativi link (alcuni saranno disponibili a breve) oppure nella pagina Le vostre Opere. Vi aspettiamo per la premiazione ufficiale che avrà luogo nel prossimo mese di settembre presso la Sala Caminetto del Teatro Regio; in questa occasione le classi vincitrici avranno l’opportunità di cimentarsi in anteprima nel Gioco dell’Opera, la nuova proposta per il Torneo 2013-14.

Vi ricordiamo l’appuntamento con Verdi e Wagner al cinema che chiuderà il nostro percorso di approfondimento  e vi aspettiamo per nuove appassionanti avventure operistiche!