Archivi categoria: laboratori

C’era una volta… Il mago di Oz

Standard

Vi diamo il bentornato dopo le meritate vacanze invernali, pronti a ricominciare alla grande con le nostre attività. E’ da gennaio, infatti, che la Stagione de La Scuola all’Opera entra nel vivo delle proposte per voi.

14mago-oz_0

Il primo appuntamento è con gli incontri di preparazione a Il mago di Oz di Pierangelo Valtinoni e Paolo Madron (autori dell’amatissimo Pinocchio delle Stagioni passate), la proposta operistica di punta del nostro cartellone 2019/20 per bambini e ragazzi dagli 8 ai 12 anni.
Come sempre, troverete proposte didattiche adatte a tutti, dalla semplice visione dello spettacolo, in palcoscenico a maggio, alla partecipazione attiva con Cantiamo l’opera, fino ai laboratori musicali di Opera…ndo per i più coraggiosi.

C’era una volta Dorothy, una bambina dolce e sognatrice, che amava viaggiare con la fantasia. Un giorno si trovò in un luogo lontano e meraviglioso, il Paese di Oz. Lì in-
contrò amici e nemici e affrontò vicende straordinarie prima di capire una cosa molto importante: il viaggio più bello che ci sia è quello che si fa quando si impara a conoscere se stessi e a diventare grandi.

Un viaggio affascinante, che non vediamo l’ora di intraprendere insieme a voi.

Ricordiamo gli appuntamenti degli incontri di preparazione per gli insegnanti:

  • Opera…ndo con il Mago di Oz:
    – Lunedì 13 gennaio 2020, ore 14.30-16.30 presso il Laboratorio di scenografia in Strada Settimo 411, Torino (per il laboratorio Tutti scenografi)
    – martedì 14 gennaio 2020, ore 16-18.30 presso il Teatro Regio, Sala Caminetto (per tutti gli altri laboratori)N.B.: La partecipazione degli insegnanti all’incontro costituisce titolo di priorità per l’accettazione delle domande.
  • Cantiamo l’opera

    – Giovedì 30 gennaio 2020, ore 17-19 Teatro Regio, Sala Caminetto. Presentazione dell’opera, proposte didattiche e prima preparazione dei cori.
    – Martedì 4 febbraio 2020, ore 17-19, Teatro Regio, Sala Caminetto. Preparazione dei cori.

    Pronti a partire anche voi per questo viaggio musicale? E allora …

    Andiamo, andiamo nel sontuoso regno di Smeraldo
    portando solamente i nostri desideri
    al grande Mago di Oz, l’immenso Mago di Oz:
    lui ci dirà se diventeranno veri.

Il chilometro in più

Standard

Poche righe per ringraziare il nostro Sovrintendente e Direttore artistico, Sebastian Schwarz, che con il suo saluto ufficiale ha inaugurato martedì 24 settembre nella Sala del Caminetto la nuova avventura de La Scuola all’Opera per la Stagione 2019/20.

schwarz_1

Schwarz ha aperto il suo discorso con una domanda importantissima per noi che scegliamo di fare didattica e di fare teatro:

perché proprio l’opera lirica?
Perché un regista dovrebbe, tra tutte le forme di spettacolo, scegliere l’opera? Perché un direttore d’orchestra, invece di salire sul podio, decide di scendere in buca, nascosto ai più?

La risposta, per il Sovrintendente e per molti di noi, sta nei ricordi: scegliamo, oggi, questa strada difficile, per quello che il teatro musicale ci ha trasmesso quando eravamo piccoli, per quel primo Flauto magico ascoltato dal giradischi dei nonni, per le storie raccontate in palcoscenico, per quella prima volta che abbiamo sentito un’orchestra accordarsi e visto aprirsi lentamente il sipario.

Ed è proprio questo, questa stessa emozione, che vogliamo trasmettere insegnando l’opera e attraverso l’opera: ricordando quello che ci ha portato fin qui e che ci spinge, oggi, a fare un lavoro che va oltre “il programma di scuola”, uno sforzo in più, perché anche i nostri ragazzi possano domani mantenere vivo il teatro e trasmettere a loro volta cultura. Ragazzi che saranno non soltanto spettatori, ma possibili protagonisti di un mondo che ha bisogno non soltanto di artisti ma anche di artigiani, sarti, macchinisti, carpentieri, elettricisti, persone che conoscano, apprezzino e valorizzino il mestiere del palcoscenico, dimostrando che è possibile vivere di cultura e che il teatro fa parte della nostra ricchezza.

Questo è il preziosissimo chilometro in più che vogliamo fare insieme a voi insegnanti, che ringraziamo per aver partecipato come sempre numerosissimi e calorosi alla nostra presentazione.

parterre

Per chi se lo fosse perso, qui il programma della nostra Stagione per La Scuola all’Opera 2019/20.

Non vediamo l’ora di cominciare questo anno ricco di novità: buon lavoro a tutti!

Danzare e sperimentare sulle note di Prokofiev

Standard

Poche settimane fa è andata in scena la sublime e tragica storia di Romeo e Giulietta, narrata dall’iconica coreografia di Kenneth MacMillan e interpretata dai meravigliosi danzatori del Balletto dell’Opera di Perm.

La più celebre storia d’amore del mondo, raccontata dalla danza, ha ancora una volta commosso il pubblico del Teatro, tra cui molti di voi ragazzi. Alcuni, però, non si sono accontentati di essere spettatori, ma, indossati i calzini antiscivolo, sono scesi in Sala Ballo e si sono messi alla prova sulle note di Sergej Prokofiev. Le nostre ballerine e didatte che li hanno preparati e noi che li abbiamo visti non li abbiamo giudicati inferiori, per cuore, impegno, emozione e bellezza, ai professionisti del palcoscenico.

Non possiamo purtroppo mostrarvi le coreografie che hanno creato e interpretato, ma vi regaliamo una fantastica galleria fotografica.

Grazie ai ragazzi delle scuole

Liceo Newton di Chivasso
Scuola Media Goltieri di Asti
Liceo Pascal di Giaveno
Scuola di danza Sheherazade
Scuola Media Meucci di Torino

… adorato Pinocchio!!!

Standard
… adorato Pinocchio!!!

Pinocchio 4_022

Che spettacolo, ragazzi!

Il ritorno di Pinocchio sulle scene del Regio è stato davvero un trionfo, e lo ha dimostrato la sala sempre piena e generosissima di applausi. E a voi, cosa è piaciuto di più?

La marcia delle marionette di Mangiafuoco, il duetto del Gatto e della Volpe, la rutilante scena del circo, i colori sgargianti del mondo sottomarino o il commovente finale?

 

A noi è piaciuto tutto, ma l’emozione più grande è stata vedervi così entusiasti e sentire centinaia di bambini e ragazzi cantare insieme le bellissime melodie di Pinocchio.

20190320_154136

Un ringraziamento a tutti gli artisti che hanno partecipato a questa produzione, ai giovani solisti di Opera Assieme e ai giovanissimi del Coro delle Voci bianche, a chi ha lavorato senza tregua e con molta pazienza dietro le quinte (tecnici, elettricisti, macchinisti, attrezzisti, scenografi, sarti) per far funzionare uno spettacolo così complesso, a Ezio Gribaudo che ha incontrato i bambini con le sue opere d’arte esposte in foyer, agli autori di Pinocchio, Pierangelo Valtinoni e Paolo Madron, che sono venuti a trovarci, al regista Luca Valentino e a Claudio Cinelli con i suoi pupazzi, al direttore Giulio Laguzzi e all’Orchestra del Teatro Regio, ma soprattutto a voi, il nostro giovane e appassionato pubblico, che con i vostri applausi siete la migliore ricompensa.

Pinocchio 21_188.jpg

Grazie! La Scuola all’Opera

Aspettando Pinocchio tra musica e opere d’arte

Standard

Arriva finalmente la primavera, e con il bel tempo anche la Stagione dei ragazzi entra nel vivo!

Pinocchio di P. Valtinoni - Foto Ramella&Giannese - © Teatro Regio Torino [057]
Dal 20 al 23 marzo uno dei personaggi più amati al mondo sarà finalmente in palcoscenico: Pinocchio! Dalle pagine del capolavoro di Collodi, Pinocchio ha preso vita come protagonista di un’opera nel lontano 2001, nato dalla penna del compositore Pierangelo Valtinoni e del librettista Paolo Madron. La musica meravigliosa e la toccante storia del burattino che voleva diventare un bambino al Regio si vestono dei colori e degli effetti speciali pensati dalla fiabesca regia di Luca Valentino, con i pupazzi di Claudio Cinelli. Siete pronti a cantare con noi?

Pinocchio di P. Valtinoni - Foto Ramella&Giannese - © Teatro Regio Torino [158]

Per l’occasione, il Teatro Regio si è fatto ancora più bello! Ad accogliere l’opera e noi spettatori, troveremo esposte in Foyer alcune meravigliose opere di un artista che a Pinocchio ha dedicato tanto lavoro ed emozione, disegni, dipinti e sculture: Ezio Gribaudo.

“Il mio interesse per Pinocchio nasce da una storia personale e molto bella, dai toni di una
parabola. Quando ero piccolo, un giorno avevo fatto indigestione di ciliegie, quando,
all’improvviso, mi sono trovato a chiedermi quali potessero essere le funzioni pratiche del fatto che il ciliegio fosse sia una pianta da frutto sia un tipo di legno. Alla mia domanda retorica, che mi ponevo per aprire un campo di indagine, ovvero, “Il ciliegio, cos’è?”, ho trovato una risposta nell’idea che Collodi abbia usato questo tipo di legno per tirare fuori un burattino, il suo famoso Pinocchio, che mi ha affascinato fin da bambino.”

Non siete curiosi di saperne di più e, magari, conoscere l’artista? Ezio Gribaudo sarà felice di incontrare i bambini del pubblico mercoledì 20 marzo. Non mancate!

Gribaudo

Un viaggio a tappe alla scoperta dell’orchestra

Standard
Un viaggio a tappe alla scoperta dell’orchestra

L’opera: uno spettacolo multimediale, l’abbiamo detto più volte, dove diverse arti si fondono insieme per dare vita a una stupenda storia musicale.

Ma se provassimo ad ascoltare chiudendo gli occhi, oscurando per un momento il palcoscenico e concentrandoci soltanto sulla musica?
E se a questa ancora togliessimo il canto lirico, facendo diventare protagonista del nostro ascolto l’orchestra?

Certo, non è comune dedicarsi esclusivamente alla musica strumentale in un teatro lirico, dove l’orchestra è solitamente relegata in buca e della quale vediamo soltanto a tratti la bacchetta del direttore; ma proviamo a togliere l’orchestra dall’opera e scopriremo che è lei a dare vita e colore al melodramma, diva dello spettacolo tanto quanto i cantanti che vediamo sul palcoscenico.

Screenshot_20181228-124921_Instagram

Viaggio in orchestra è stato pensato proprio per questo, per puntare il riflettore in buca e farci scoprire i suoni, i colori e la macchina di una grande orchestra sinfonica: a guidarci in questo affascinante percorso niente di meno che Stefano Catucci, filosofo, scrittore e storico conduttore dei Concerti del Quirinale di Radio3.

L’appuntamento è articolato in due tappe: la prima è dedicata all’ascolto delle diverse sezioni dell’organico orchestrale, con l’efficacissima Guida del giovane all’orchestra scritta appositamente a questo scopo da Benjamin Britten, compositore dalla spiccata vocazione didattica, e dalla divertente e ritmata Sinfonia dei giocattoli attribuita a Leopold Mozart, papà del celebre Wolfgang.

Il secondo appuntamento è rivolto ai più esperti, ragazzi più grandi che vogliono approfondire gli aspetti più virtuosistici, raffinati e grandiosi di un grande organico orchestrale con il Concerto di Béla Bartók e il Preludio dai Maestri cantori di Norimberga di Richard Wagner.

In entrambi i concerti, secondo la formula interattiva che preferiamo, non saremo soltanto pubblico ma faremo attivamente parte dello spettacolo suonando anche noi, seguendo il direttore con semplici e divertenti strumenti ritmici costruiti in classe o con i gesti suono.

L’occasione non è da poco e per prepararsi al meglio abbiamo pensato per voi anche un laboratorio: con Piccola e grande orchestra impareremo insieme, a scuola, a classificare gli strumenti che ascolteremo dal vivo in Teatro, a costruire quelli ritmici che utilizzeremo noi e a suonarli seguendo la partitura.

Vi raccontiamo l’Open Day

Standard

Un bel pomeriggio, quello di mercoledì!

20180925_154748

Dopo una riunione al (quasi) gran completo dell’Ufficio Scuole e dei suoi collaboratori…

IMG-20180927-WA0010

#nonsappiamofareiselfie

#nonsappiamofareiselfie

… è stato piacevole incontrare tanti di voi, molti già amici di lunga data e molti volti nuovi, per il nostro Open Day di presentazione delle attività e degli spettacoli per i ragazzi.
Il nostro Direttore Artistico, il Maestro Alessandro Galoppini, ha aperto l’incontro accogliendo il pubblico e illustrando le novità della Stagione. Siamo contenti che vi sia piaciuta! Abbiamo ricevuto tante domande e tanto entusiasmo parlando con ognuno di voi ai diversi stand dedicati agli spettacoli, alle attività, ai percorsi e al nostro blog.

IMG-20180927-WA0011

Non vediamo l’ora di entrare nel vivo delle attività !
Per cominciare vi ricordiamo i primi appuntamenti con le prenotazioni, lunedì 1 ottobre per L’elisir d’amore raccontato ai ragazzi, moderna versione pocket firmata come sempre Vittorio Sabadin del melodramma giocoso di Gaetano Donizetti e per Opera…ndo con L’elisir d’amore, laboratori di recitar cantando, danza, orchestra e scenografia per riscrivere la propria originale versione dell’opera.

Prenotate numerosi!

Vi aspettiamo!

Immagine

OPEN DAY

Estate danzando

Standard

Lo sappiamo, lo sappiamo che alcuni fortunati sono già a cuocere sotto l’ombrellone o con una fumante tazza di cioccolata calda in rifugio, ma non meno fortunati sono gli allievi della scuola Essenza Danza di Carmagnola: accompagnati dalla maestra Elena Piazza hanno scelto il Teatro Regio per una giornata di studio guidati dalla nostra Erica Cagliano. Ecco com’è andata:

E non sono i soli: tanti altri hanno scelto di fare Estate Ragazzi con noi … mandateci le vostre foto!

Il blog vi dà appuntamento a fine mese con la nuova Stagione de La Scuola all’Opera: non siete curiosi?

Tempo di premi e di bilanci

Standard
Tempo di premi e di bilanci

Un altro anno è volato e mentre voi probabilmente già da qualche giorno vi crogiolate al sole sulla spiaggia, in un rifugio alpino o in campagna, è tempo per noi di fare un bilancio dell’anno trascorso insieme, e in prima battuta naturalmente rendervi finalmente partecipi dell’esito di Viva Vivaldi! –  Il torneo online.

Dopo la fase del super quiz in Teatro alla scoperta del nostro Autore in cui si sono cimentate ben 19 classi di scuole medie e superiori, la gara è proseguita on line con il torneo che è culminato nella consegna di originali elaborati creativi prodotti dai ragazzi, che sono stati esaminati e valutati dalla giuria composta da Gastón Fournier-Facio, musicologo e scrittore, Direttore Artistico del Teatro Regio di Torino, Vittorio Sabadin, giornalista e scrittore, autore di diversi adattamenti di opere proposti al pubblico delle scuole e non solo (Il flauto magico, Le nozze di Figaro, Don Giovanni, La Bohème, La Cenerentola, Madama Butterfly…), nonché membro del Consiglio di Indirizzo del Teatro Regio e Riccardo Fracchia, Direttore di Scena del Teatro Regio di Torino.

Ed ecco i vincitori: si riconfermano al primo posto per il secondo anno consecutivo i ragazzi delle classi IV e V Ginnasio del Liceo Classico Bodoni di Saluzzo, guidati dal professor Diego Ponzo. Con grande investimento di tempo ed energie gli studenti vincitori hanno creato un vero e proprio sito web dedicato ad Antonio Vivaldi in cui ripercorrerne la storia, ascoltare le sue note più celebri e scoprire interessanti “dietro le quinte”, il tutto presentato da accattivanti video interamente a cura dei ragazzi: vi invitiamo ad esplorarlo e facciamo le nostre congratulazioni alla classe che si aggiudica in premio i biglietti per la prova generale di uno spettacolo della prossima Stagione.

                                                    [click per aprire il link al sito]

Un premio e una menzione speciali sono poi stati assegnati anche ai secondi classificati, i ragazzi della classe I D della Scuola Media Calamandrei di Torino guidati dal professor Gabriele Rocca: con molta creatività ed entusiasmo hanno scelto di raccontarci Vivaldi da un punto di vista inedito,  quello delle sue allieve dell’Ospedale della Pietà. Ecco a voi il link al loro originalissimo “Diario delle putte“:

[click per aprire il link al video]

L’incontro di premiazione si svolgerà nella prima settimana di ottobre. Nel frattempo, auguriamo a tutti i coraggiosi che si sono cimentati nel nostro torneo barocco un meritatissimo riposo estivo.

 Ma il nostro premio migliore sicuramente siete stati come sempre voi che ci avete seguito nel corso di questa ricchissima Stagione. Qualche numero?

disegno di Francesca, Convitto Umberto I

Più di 300 classi hanno visitato il Teatro Regio alla scoperta del mondo dietro le quinte; circa 150 classi hanno trascorso un’intera giornata con noi seguendo la preparazione di uno spettacolo e alcune assistendo poi alla recita con il pubblico serale grazie ai progetti Un giorno all’opera All’Opera ragazzi!; più di 100 classi hanno esplorato l’opera e le sue connessioni extramusicali con l’arte e la storia grazie a uno dei nostri percorsi di rete in collaborazione con i principali musei torinesi, e più di 100 si sono messe in gioco con uno dei nostri laboratori di canto, danza, orchestra, scenografia, scrittura creativa; oltre 11mila ragazzi hanno assistito agli spettacoli della Stagione delle Scuole.

Nel concludere un anno così ricco non possiamo che ringraziarvi ancora una volta per il lavoro svolto insieme e darvi appuntamento a breve per svelare la prossima Stagione de La Scuola all’Opera!