Archivi categoria: concerti

Playtoy orchestra – musica da giocare

Standard

Avete tra i 4 e i 10 anni? Segnate in agenda:

giovedì 5, venerdì 6 e sabato 7 dicembre, Foyer del Toro.
Portare giocattoli da suonare.

playtoyorchestra16-8

Tranquilli, non ci siamo sbagliati! Ad aspettarvi ci sarà la Playtoy Orchestra, l’unica orchestra al mondo a suonare, signore e signori, veri e autentici giocattoli. Pensavate che la chitarrina in plastica regalatavi dalla zia non fosse buona per il rock? Errore! Che lo xilofono con sette tasti variopinti non potesse esibirsi in una perfetta bossa nova brasileira? Che un coccodrillo in plastica e la papera di gomma con la quale fate il bagnetto non potessero eseguire Mozart, Rossini e Beethoven? Ebbene, questo spettacolo interattivo, imprevedibile, rutilante vi farà cambiare idea al volo! Sette musicisti che hanno fatto dei loro giocattoli una professione e che con i loro strumenti di plastica hanno calcato i palcoscenici di tutto il mondo. Ora anche qui, a Torino, in esclusiva per voi, giovane pubblico del Regio!

Playtoy orchestra – Foyer del Toro – dal 5 al 7 dicembre: prenotazioni aperte!

CLICK QUI PER MAGGIORI INFORMAZIONI

 

Il chilometro in più

Standard

Poche righe per ringraziare il nostro Sovrintendente e Direttore artistico, Sebastian Schwarz, che con il suo saluto ufficiale ha inaugurato martedì 24 settembre nella Sala del Caminetto la nuova avventura de La Scuola all’Opera per la Stagione 2019/20.

schwarz_1

Schwarz ha aperto il suo discorso con una domanda importantissima per noi che scegliamo di fare didattica e di fare teatro:

perché proprio l’opera lirica?
Perché un regista dovrebbe, tra tutte le forme di spettacolo, scegliere l’opera? Perché un direttore d’orchestra, invece di salire sul podio, decide di scendere in buca, nascosto ai più?

La risposta, per il Sovrintendente e per molti di noi, sta nei ricordi: scegliamo, oggi, questa strada difficile, per quello che il teatro musicale ci ha trasmesso quando eravamo piccoli, per quel primo Flauto magico ascoltato dal giradischi dei nonni, per le storie raccontate in palcoscenico, per quella prima volta che abbiamo sentito un’orchestra accordarsi e visto aprirsi lentamente il sipario.

Ed è proprio questo, questa stessa emozione, che vogliamo trasmettere insegnando l’opera e attraverso l’opera: ricordando quello che ci ha portato fin qui e che ci spinge, oggi, a fare un lavoro che va oltre “il programma di scuola”, uno sforzo in più, perché anche i nostri ragazzi possano domani mantenere vivo il teatro e trasmettere a loro volta cultura. Ragazzi che saranno non soltanto spettatori, ma possibili protagonisti di un mondo che ha bisogno non soltanto di artisti ma anche di artigiani, sarti, macchinisti, carpentieri, elettricisti, persone che conoscano, apprezzino e valorizzino il mestiere del palcoscenico, dimostrando che è possibile vivere di cultura e che il teatro fa parte della nostra ricchezza.

Questo è il preziosissimo chilometro in più che vogliamo fare insieme a voi insegnanti, che ringraziamo per aver partecipato come sempre numerosissimi e calorosi alla nostra presentazione.

parterre

Per chi se lo fosse perso, qui il programma della nostra Stagione per La Scuola all’Opera 2019/20.

Non vediamo l’ora di cominciare questo anno ricco di novità: buon lavoro a tutti!

Aspettando la nuova Stagione…

Standard

Nell’augurarvi buone vacanze, mentre aspettiamo la nuova Stagione delle Scuole, vogliamo ripercorrere con voi i momenti più belli di un altro anno passato insieme, tra laboratori, percorsi didattici e spettacoli meravigliosi!

NOVEMBRE

L’elisir d’amore raccontato ai ragazzi

Il capolavoro di Donizetti trasportato tra i banchi di scuola

Valzer a tempo di guerra

Piccole storie per raccontare il dramma della grande storia

DICEMBRE

Concerto straordinario

Marionette e nonsense in una parodia della musica colta

GENNAIO

Concerto per il Giorno della Memoria

L’arte che vince le dittature, per non dimenticare

FEBBRAIO

Viaggio in orchestra: prima tappa

Esplorando la macchina sinfonica di sezione in sezione

MARZO

Pinocchio

La fiaba più bella fa sognare e cantare

Viaggio in orchestra: seconda tappa

Quando il gioco si fa duro… i duri continuano a suonare!

MAGGIO

Dolceamaro e la pozione magica

Il grande repertorio anche per i più piccoli

CantiAmo!

Intonare insieme a un coro lirico le pagine più belle della storia della musica

Un viaggio a tappe alla scoperta dell’orchestra

Standard
Un viaggio a tappe alla scoperta dell’orchestra

L’opera: uno spettacolo multimediale, l’abbiamo detto più volte, dove diverse arti si fondono insieme per dare vita a una stupenda storia musicale.

Ma se provassimo ad ascoltare chiudendo gli occhi, oscurando per un momento il palcoscenico e concentrandoci soltanto sulla musica?
E se a questa ancora togliessimo il canto lirico, facendo diventare protagonista del nostro ascolto l’orchestra?

Certo, non è comune dedicarsi esclusivamente alla musica strumentale in un teatro lirico, dove l’orchestra è solitamente relegata in buca e della quale vediamo soltanto a tratti la bacchetta del direttore; ma proviamo a togliere l’orchestra dall’opera e scopriremo che è lei a dare vita e colore al melodramma, diva dello spettacolo tanto quanto i cantanti che vediamo sul palcoscenico.

Screenshot_20181228-124921_Instagram

Viaggio in orchestra è stato pensato proprio per questo, per puntare il riflettore in buca e farci scoprire i suoni, i colori e la macchina di una grande orchestra sinfonica: a guidarci in questo affascinante percorso niente di meno che Stefano Catucci, filosofo, scrittore e storico conduttore dei Concerti del Quirinale di Radio3.

L’appuntamento è articolato in due tappe: la prima è dedicata all’ascolto delle diverse sezioni dell’organico orchestrale, con l’efficacissima Guida del giovane all’orchestra scritta appositamente a questo scopo da Benjamin Britten, compositore dalla spiccata vocazione didattica, e dalla divertente e ritmata Sinfonia dei giocattoli attribuita a Leopold Mozart, papà del celebre Wolfgang.

Il secondo appuntamento è rivolto ai più esperti, ragazzi più grandi che vogliono approfondire gli aspetti più virtuosistici, raffinati e grandiosi di un grande organico orchestrale con il Concerto di Béla Bartók e il Preludio dai Maestri cantori di Norimberga di Richard Wagner.

In entrambi i concerti, secondo la formula interattiva che preferiamo, non saremo soltanto pubblico ma faremo attivamente parte dello spettacolo suonando anche noi, seguendo il direttore con semplici e divertenti strumenti ritmici costruiti in classe o con i gesti suono.

L’occasione non è da poco e per prepararsi al meglio abbiamo pensato per voi anche un laboratorio: con Piccola e grande orchestra impareremo insieme, a scuola, a classificare gli strumenti che ascolteremo dal vivo in Teatro, a costruire quelli ritmici che utilizzeremo noi e a suonarli seguendo la partitura.

Musica per il diverso

Standard

Pare quasi scontato scrivere che la musica possa raccontare l’inesprimibile, sublimare l’indicibile. Meno scontato è affrontare apertamente, oggi, il tema di quanto il diverso faccia ancora paura e di come questa paura possa diventare disgusto, odio, segregazione, sterminio.
C’è stata un’epoca, un passato recente, in cui questo odio non è stato dissimulato o mascherato, ma anzi esibito con orgoglio; un’epoca nella quale il diverso è stato separato, rinchiuso in ghetti e Lager, barbaramente ucciso. E ciò che non si può rinchiudere né sterminare, ciò che dà voce all’ineffabile, è stato proibito e messo a tacere.

Si può perseguitare anche la musica, se scomodamente turba la “purezza della razza” includendo armonie e ritmi di etnie “diverse”; se avanguardisticamente viola le regole e stravolge l’ordine della tradizione; se chi l’ha scritta è di sangue, religione, cultura “altri” rispetto a noi.

Questo è ciò che ha fatto, non molti anni fa, il nazismo, attraverso la propaganda della Entartete Musik, “musica degenerata”, e ancora una volta il Teatro Regio sceglie di dare voce a quanto è stato messo a tacere per ricordare, a gennaio, il Giorno della Memoria. I brani eseguiti dall’Orchestra del Teatro Regio guidata da Sergey Galaktinov saranno intervallati da interventi del filosofo Carlo Sini sul tema della diversità; per ricordare, ma anche per capire e interrogarsi su un pericolo che, forse, non è affatto passato.

IMG-20181113-WA0000
Il programma musicale offre una panoramica dei linguaggi invisi al nazismo: a partire da Mahler, autore proibito dopo la sua morte perché ebreo, passando per le avanguardie con le innovazioni ritmiche e armoniche di Stravinskij e Šostakovič. Troveremo la ricerca etnomusicologica di Bela Bartok, che volontariamente chiese a sua volta di essere incluso nella lista di autori “degenerati” e infine il ritorno al tonalismo e il recupero dei linguaggi classici nella Simple Symphony di Britten e nel celebre Adagio di Samuel Barber, che Toscanini diresse per la prima volta nel 1938 definendolo “semplice e bello”.

Il concerto può essere abbinato all’attività didattica La musica della Shoah in collaborazione con il Museo Diffuso della Resistenza, della Deportazione, della Guerra, dei Diritti e della Libertà.