Il Teatro alla Moda

Standard

Nel 1720 il poeta e compositore veneziano Benedetto Marcello pubblica, anonimo,
IL TEATRO ALLA MODA – O SIA – METODO Sicuro, e facile per ben comporre, & esequire l’OPERE Italiane in Musica all’uso moderno – Nel quale – Si danno Avvertimenti utili, e necessarij à Poeti, Compositori di Musica, Musici dell’uno e dell’altro sesso, Impresarj, Suonatori, Ingegneri e Pittori di Scena, Parti buffe, Sarti, Paggi, Comparse, Suggeritori, Copisti, Protettori e MADRI di Virtuose & altre Persone appartenenti al Teatro,
libello satirico che prende di moda vizi e convenzioni del mondo teatrale dell’epoca. Uno dei compositori presi maggiormente di mira è proprio il nostro Vivaldi, il cui nome compare anagrammato come “Aldiviva” addirittura in copertina.

Riportiamo qui per voi alcuni estratti dal pamphlet, il cui testo integrale è facilmente reperibile on line:

A POETI. Scriverà tutta l’Opera senza formalismi Azzìone veruna della medefima, bensì componendola Verso per Verso, acciocché non intendendosi mai Intreccio dal Popolo, stia questi con curiosìtà fino al fine. 

Avverta sopra ogni cosa il buon Poeta moderno, che siano fuori ben spesso tutti li Personaggi senza proposito, quali poi ad uno ad uno dovranno partire, cantando la solita Canzonetta.

A COMPOSITORI DI MUSICA. 
 Molte dell’Arie dorranno esser lunghe, a segno che alla metà di esse non si ricordi più del principio. …
Divìderà parimente il Maestro moderno il sentìmento, o significato delle Parole, particolarmente nell’Arie, facendo cantare al MUSICO il primo Verso (benché da sé solo nulla significhi) e poi introducendo lungo Ritornello di Violini, Violette , etc etc. 

Avverrà il Maestro moderno se dalle Lezione a qualche VIRTUOSA dell’Opera, d’incaricargli a pronunciar male, e per tal effetto, insegnargli gran quantità di Spezzature, e di Passi, perche non s’intenda veruna Parola…

Procurerà il Maestro di Capella , che 1’Arie migliori tocchino sempre alla prima Donna, e dovendo abbreviar 1’Opera non permetterà, che si levino Arie, o Ritornelli, ma piuttosto Scene intere diRecitativo, dell’Orso e de Terremoti etc.

A MUSICI. Non dovrà il VIRTUOSO moderno aver Solfeggiato, né mai Solfeggiare per non cader nel pericolo di fermar la Voce, d’intonar giusto, andar a tempo, essendo tali cose fuori affatto del moderno costume.

Tornando da Capo cambierà tutta l’Aria a suo modo quantunque il Cambiamento non abbia punto che fare col Basso, o con li Versi- , e convenga alterare il Tempo- non importa, perché già (come si è detto di sopra) il Compositor della Musica è rassegnato. 

ALLE CANTATRICI.  Dovrà con la frequenza possibile alzare in scena ora il destro, ora il braccio sinistro, cambiando sempre dall’una all’altra mano il Ventaglio, sputando ad ogni pausa dell’Arie … Sino che qualche personaggio recita seco, o canta l’Arietta, saluterà la VIRTUOSA moderna … le maschere ne’ Palchetti, sorridendo col Maestro di Capella, co’ Suonatori, Comparse, Suggeritori etc. ponendosi doppo il Ventaglio al Viso, perché si sappia dal Popolo esser ella la Sign. GIANDUIA PELATUTTI, non già l’Imperatrice FILASTROCCA, che rappresenta, il cui carattere maestoso potrà poi conservarlo fuori del Teatro.

Lodata la VIRTUOSA risponderà sempre star mal dì Voce, non poter cantare, che non canta mai etc. e prima di partire dal suo Paese pretenderà dall’Impresario metà dell’ Onorario per far il Viaggio, Vestir il Protettore, … e porterà seco Papagallo, Civetta, un Gatto, due Cagnolini, una Chizza gravida, e altri Animali…

La prima Donna baderà pochissimo alla seconda, la Seconda alla terza, et non l’ascolterà in Scena, ritirandosi nel Tempo che canta I’Aria, prendendo Tabacco dal Protettore, soffiandosi il Naso, guardandosi in Specchio, etc etc. 

Non leggerà però mai il Libretto dell’ Opera, imperciocché come si é detto di sopra la VIRTUOSA moderna non deve intenderlo punto, e nel scioglimento all’ultima Scena sarà ben fatto che non badi molto, si metta a ridere etc. 

AGL’ IMPRESARJ. Non dovrà 1’Impresario moderno possedere notizia veruna delle cose appartenenti al Teatro, non intendendosi punto di Musica, di Poesia, di Pittura, etc. Fermerà per Broglio d’Amici Ingegneri di Scene, Mastri di Musica, Ballarini, Sarti, Comparse, etc- avvertendo di usar tutta 1’economia in quelle Persone per poter pagar bene i Musici, e particolarmente le Donne, l’Orsa, la Tigre, le Saette, i Lampi, i Terremoti, etc. 

A SUONATORI. Dovrà il Virtuoso di Violino in primo Iuogo far ben la Barba, tagliar Calli, pettinar Perrucche, e compor di Musica. Avrà imparato da principio a Suonar da Ballo sù i Numeri, non andando mai a Tempo, ne avrà buon’Arcata , ma bensì gran possesso del Manico.

Annunci

»

  1. Davvero divertentissimo compendio!!! È sorprendente come siano attuali certi atteggiamenti di musicisti e cantanti!! I difetti non hanno proprio età!!!! Fantastico riconoscersi in certe caricature…..

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...