V vs W: stretta finale!

Standard

Un post brevissimo per ringraziare coloro che ci hanno seguiti fin qua e soprattutto un grazie speciale alle classi che si sono cimentate nel torneo: complimenti per l’impegno e la costanza che avete messo nello studio e nella preparazione dei vostri elaborati. In attesa di conoscere la classe vincitrice vi aggiorniamo su alcune recentissime, interessanti novità: come saprete, con la consegna di oggi si conclude la seconda fase della gara e i vostri lavori passeranno ora alla valutazione definitiva della giuria … ma le sorprese non sono finite. A stabilire quale classe avrà conquistato il primo posto sarà infatti un comitato davvero d’eccezione, composto da membri interni al Teatro e rappresentanti di altre autorevoli Fondazioni e Istituzioni, importanti come sarà importante il premio in palio.

Quando si affronta un percorso nuovo non si sa mai con precisione come si raggiungerà la meta: il bello sta nello scoprirlo lungo la strada, ed è ancora meglio quando il progetto cresce mano a mano che gli dedichiamo energia.

Proprio questo è successo con il Torneo Verdi vs Wagner: mentre voi a scuola mettevate in gioco le vostre capacità creative, anche noi qui non ci siamo fermati e abbiamo continuato a lavorare al progetto.

Il risultato è la stipula di una convenzione tra il Teatro Regio e la Fondazione Istituto Piemontese Antonio Gramsci che ha avviato un bando di concorso dedicato alla memoria della Prof.ssa Nenè Corulli del Liceo “Gioberti” di Torino, mancata prematuramente nel 2011.

nenè corulli

Il ricchissimo premio del bando consiste in dieci abbonamenti Regione 1 o Regione 2 per la Stagione 2013 – 2014 del Teatro Regio di Torino e verrà quindi assegnato alla classe che vincerà il nostro torneo: 40 biglietti distribuiti su quattro spettacoli, che potranno essere utilizzati a turno da tutti i ragazzi della classe vincitrice.

Non solo: il bando sarà rinnovato negli anni a venire e andrà così a supportare i prossimi Tornei “all’Opera”, dei quali la disfida Verdi vs Wagner è stata in un certo senso il progetto-pilota.

Nell’attesa del verdetto, se i due Maestri hanno saputo conquistarvi con la loro musica non mancate di continuare a tenervi informati: molte delle celebrazioni del bicentenario cominciano ora a entrare nel vivo, così come la Stagione 2013-14 del Teatro Regio, che si aprirà proprio con un vero e proprio festival verdiano.

Non dimenticatevi inoltre di controllare il blog per gli aggiornamenti sul torneo: presto vi sveleremo i nomi dei componenti della giuria e abbiamo in cantiere un post speciale dedicato ai Nostri due e alla settima arte … Verdi e Wagner al cinema, dall’omonimo percorso de La Scuola all’Opera dedicato al bicentenario.

Grazie per l’entusiasmo con il quale ci avete seguiti fin qui e complimenti per l’impegno: adesso, che vinca il migliore!

»

  1. Sul finire dell’anno scolastico, il vostro progetto è per noi docenti oggetto di “rendicontazione”, orribile conio burocratico che sembra togliere bellezza all’avventura verdiana e wagneriana.
    A dispetto dei moduli prestampati, scriveremo oltre le righe l’entusiasmo dei ragazzi, la collaborazione, la curiosità, la passione per le storie(sì, chi l’ha detto che i libretti d’opera sono letteratura di serie b?), il fascino ammaliante della musica, una musica che ha un cuore e un pensiero, corde segrete che svelano l’uomo, la storia, i sogni, i sentimenti.
    Grazie dell’opportunità, degli scambi, delle conferenze, della passione, dell’occasione di combattere la sfiducia che appiattisce con la sfida a perpetuare quel che vale per un mondo più armonioso; e la tentazione di assegnare ai ragazzi lavori estivi che preparino al cartellone del prossimo autunno è forte!

    • Che bello aver accompagnato per un breve tratto la crescita culturale e umana di ragazzi splendidi…! E che bello collaborare con insegnanti veri, capaci di “segnare dentro” la mente e il cuore degli studenti! Grazie infine ai nostri Verdi e Wagner, non solo monumenti di arte e fonti inesauribili di genialità, ma ormai amici fedeli, pronti a dare una voce sublime a tutte le luci e le ombre della nostra umanità. Da parte nostra promettiamo di continuare a cercare strumenti sempre più utili a far vivere l’esperienza dell’opera in modo ricco e vivace. Aiutateci!🙂
      L’Uffico Scuole del Teatro Regio

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...