Opera…ndo con la III A della Media Peyron

Standard

La Traviata andata in scena a marzo al Teatro Regio di Torino è stata sicuramente vissuta in modo speciale dagli allievi della classe III A della Scuola Media Peyron-Fermi di Torino, che hanno scelto di seguire un intero percorso di studio creativo dell’opera e del suo autore.

Per prima cosa, bisogna saperne di più: che tipo di spettacolo è l’opera lirica? Come e quando nasce il melodramma? E chi erano Giuseppe Verdi e Violetta Valery? E Margherita Gautier? Con il percorso All’opera, ragazzi! si va alla scoperta dei trucchi del mestiere, delle scelte artistiche e drammaturgiche che stanno dietro l’opera durante una lezione interattiva e ricca di ascolti condotta da una collaboratrice della Scuola all’Opera. E come funziona un teatro moderno? La visita guidata è stata un’occasione per sbirciare dietro le quinte e scoprire quello che il pubblico normalmente non vede, tra prove in palcoscenico, sartoria e labirintici ambienti sotterranei.

Sempre in Teatro, i ragazzi hanno quindi preso in mano penna e calamaio e si sono reinventati poeti, riscrivendo la prima scena dell’opera durante il laboratorio Il nostro libretto: se La Traviata si svolgesse ai giorni nostri, dove e come potrebbe avvenire il fatale incontro tra Violetta e Alfredo? Chi è la Violetta Valery del 2013 e quali sono gli elementi del dramma? E’ possibile scrivere un testo poetico completo di rime e metrica utilizzando un linguaggio contemporaneo?

Il gioco di curiosare dietro le quinte e provare a mettersi dall’altra parte del sipario prosegue, questa volta non come autori ma come veri e propri protagonisti: calici alla mano, i ragazzi hanno interpretato il celeberrimo brindisi dell’atto I di Traviata con il laboratorio Recitar Cantando, occasione irripetibile per provare il fascino della ribalta e del palcoscenico, rimettere in scena e cantare i brani più coinvolgenti.

E, finalmente, l’emozione dello spettacolo!

Pubblichiamo volentieri il loro originale elaborato finale, che riassume in una serie di quadri scenici La Traviata nella sua versione “tradizionale” (ma con l’innovativo allestimento di Laurent Pelly in scena al Regio) e la versione rielaborata in chiave contemporanea dai ragazzi: complimenti!

La Traviata della Media Peyron

[clicca sull’immagine per ingrandire]

Ed ecco la verifica finale (clicca sul link) che i ragazzi hanno affrontato in classe.

Grazie per aver condiviso con noi il vostro percorso e complimenti per l’ottimo lavoro!

»

  1. Che bello! Hanno fatto un lavorone, bravi! Complimenti anche alle insegnanti che hanno dedicato tanto spazio ad un’attività così articolata. Tempo ben speso, sicuramente! E’ stata l’unica classe a svolgere questo percorso didattico? Spero di no…

  2. Bellissimo lavoro che ho avuto l’opportunità di ammirare dal vivo. I ragazzi erano entusiasti dell’intero percorso e dell’opportunità avuta di assistere allo spettacolo. Hanno anche imparato due brani (“Libiamo” e “Un dì, felice, eterea”) riadattati per flauti e violino, che hanno eseguito, emozionati, per me in classe. Complimenti a tutti!
    Caterina Cugnasco

    • Bravi, ragazzi! E bravi gli insegnanti! E che dire degli esperti del Teatro Regio…? Grazie per i semi di cultura e di pensiero, elaborazione e musica che portate ai giovani!

      • Grazie🙂 e soprattutto complimenti ai ragazzi; come ha scritto Caterina è stato un piacere lavorare con persone così creative, interessate e ricettive. Speriamo di poter pubblicare presto gli elaborati di altre classi e scuole, i ragazzi hanno molto da dire!

  3. Complimenti a questi studenti che ancora possono dedicarsi con entusiasmo ad un percorso multidisciplinare bene accetto in un ordine di scuola che prevede l’espressione musicale e quella artistica a qualificare i saperi! E un incoraggiamento ai colleghi che li hanno guidati nell’avventura con dedizione e spirito di sfida.

  4. Sono felice e fiera di poter ammirare lavori come questi! Faccio i complimenti ai colleghi insegnanti, e al personale del Regio, di cui ho constatato direttamente e più volte la disponibilità e competenza. Spero che molti altri insegnanti possano condividere qui i lavori realizzati con gli studenti, che, tra tutte le persone coinvolte in questi progetti, sono quelle capaci di stupirci maggiormente, regalandoci tante gratificazioni.
    Grazie a tutti!

    • Siamo felicissimi anche noi e lieti di annunciare che molto presto pubblicheremo nuove creazioni dei ragazzi e bambini che hanno lavorato su Don Carlo, Carmen, Verdi vs Wagner, Il piccolo Spazzacamino e molto altro!

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...