Archivio mensile:dicembre 2012

La danza di Béjart al Teatro Regio

Standard

La danse… un minimum d’explications, un minimum d’anecdotes, et un maximum de sensations.“[1]

Béjart [Le Sacre du printemps] 107

È terminata una settimana fa la tappa torinese della tournée mondiale che celebra i 25 anni di attività artistica della compagnia Béjart Ballet Lausanne, fondata nel 1987 da Maurice Béjart e diretta dal 2007 da Gil Roman, protagonista dal 30 novembre al 14 dicembre del palcoscenico del Teatro Regio con una imperdibile antologia di titoli.

Spaziando dalla travolgente musica di Stravinskij con L’Oiseau de feu all’impeto primordiale de Le Sacre du printemps, fino alla trascinante coreografia creata nel 1961 per il celeberrimo Boléro di Maurice Ravel, passando per la forza comunicativa di Syncope, Offrande à Stravinsky e Light disegnate su una miscellanea musicale originale e suggestiva, i danzatori del Béjart Ballet Lausanne hanno ancora una volta affascinato e conquistato il pubblico del Teatro Regio.

La danza di Béjart mostra come la passione del grande coreografo abbia saputo reinventare il balletto in un’unione armonica e originale di linguaggio classico e innovativo, valorizzando le peculiarità fisiche e caratteriali di ogni interprete come elemento prezioso, unico ed irripetibile, che contemporaneamente trova la sua dimensione espressiva ideale nelle grandi scene corali.

Béjart [L'Oiseau de feu] 020

La danse n’a plus rien à raconter: elle a beaucoup à dire!”[2]:

il movimento, per Béjart, è comunicazione, trasmissione di sensazioni, emozioni, immagini.

Je prenais la vie et je la jetais sur scène. Une double tradition: celle de l’enseignement et celle de l’art. Je ne suis pas le révolutionnaire qu’on croit: j’ai dépoussiéré.”[3]

Come sempre invitiamo il pubblico e i ragazzi delle scuole che hanno partecipato al progetto All’Opera, ragazzi! a commentare l’esperienza e ad inviarci gli elaborati prodotti.

Il n’y a qu’un seul public: celui qui vient pour aimer…“ [4]

Buone vacanze da La Scuola all’Opera!


Tutte le citazioni sono tratte da Maurice Béjart, Un instant dans la vie d’autrui, 1979

[1] “La danza … un minimo di spiegazioni e di aneddoti e un massimo di sensazioni.
[2] “La danza non ha più niente da raccontare: ha molto da dire!
[3] “Prendevo la vita e la mettevo in scena. Una doppia tradizione: quella dell’esperienza e quella dell’arte. Non sono il rivoluzionario che dicono: ho dato una spolverata.
[4] “Non c’è che un pubblico: quello che viene per amare…


Annunci

V vs W: vite parallele #3

Standard

Ultima parte della linea del tempo che mette a confronto Wagner e Verdi; il prossimo appuntamento con  il torneo sarà venerdì 11 gennaio con il primo approfondimento. Vi invitiamo a proporre argomenti di vostro interesse lasciando un commento o inviando una e-mail a La Scuola all’Opera.

Terza parte della linea del tempo

Natale con l’orchestra al Teatro Regio

Standard

L’inverno e le feste sono alle porte e al Teatro Regio fervono i preparativi: siamo quasi pronti per

Natale con l’orchestra!

L’appuntamento è per martedì 18 dicembre con un programma musicale divertentissimo e stimolante inLeopold Mozartteramente dedicato a bambini e ragazzi, dai 4 ai 12 anni, che come sempre saranno attivamente coinvolti durante lo spettacolo.

Nella prima parte del concerto giocheremo a rompere gli schemi della cosiddetta musica “classica” con la

Sinfonia dei giocattoli

vivacissima pagina musicale quasi certamente composta da Leopold Mozart, più conosciuto come il serissimo padre del celebre genio Wolfgang: un pezzo di musica dove tutto e tutti, anche i giocattoli, fischietti, sonagli, cucù e uccellini possono far parte di un’orchestra sinfonica
Così come i 1300 bambini di scuola dell’infanzia, primaria e media che suoneranno dalla platea legnetti, tamburi e maracas molto speciali costruiti a scuola durante i laboratori Suoniamo anche noi tenuti dai collaboratori de La Scuola all’Opera.

Sergej Prokof'evDopo lo strepitoso finale della Sinfonia a suon di braccialetti a sonaglio saremo catapultati in Russia, questa volta come spettatori di una delle più celebri fiabe musicali di tutti i tempi:

Pierino e il lupo

Composta nel 1936 da Sergej Prokof’ev per il Teatro Centrale dei Bambini di Mosca, adesso come allora le peripezie di Pierino e i suoi amici animali continuano ad emozionare e divertire adulti e bambini.
Al Teatro Regio sarà la voce narrante di Lorenzo Fontana che, raccontandoci la storia, ci condurrà alla scoperta degli strumenti dell’orchestra che danno voce ai personaggi e alle loro avventure; una fiaba che nasconde al suo interno una vera e propria appassionante lezione di musica accompagnata con freschezza dalla brillante musica di Prokof’ev, abilissimo nel fondere intento educativo e divertimento.

Ma non è finita qui: la sera si replica per le famiglie!

Anche il pubblico di adulti e bambini delle ore 20 potrà imparare a suonare la Sinfonia durante il laboratorio che si terrà presso il Teatro sabato 15 dicembre dalle ore 15 alle ore 17. Approfittatene: il laboratorio è gratuito per chi è in possesso del biglietto dello spettacolo!

Per informazioni e prenotazioni contattare telefonicamente l’Ufficio Attività Scuola.

Teatro Regio
martedì 18 dicembre 2012

ore 10.30
ore 20 (spettacolo serale aperto al pubblico)
Leopold Mozart, Sinfonia dei giocattoli
Sergej Prokof’ev, Pierino e il lupo, fiaba musicale per voce narrante e orchestra op. 67
Lorenzo Fontana voce narrante
Orchestra del Teatro Regio diretta dal M° Mattia Rondelli

Affrettatevi! Gli ultimi posti per lo spettacolo delle ore 20 sono già in vendita in biglietteria.

NB Vi ricordiamo l’appuntamento di giovedì 13 dicembre con Ascoltare Verdi, l’incontro di aggiornamento a cura del Prof. Gallarati

C’era un Vascello…

Standard

vascelloNarra una vecchia leggenda di lupi di mare che da secoli si aggiri per gli oceani, tra le tempeste e gli impetuosi flutti, un vascello dalle vele rosso sangue: un vascello fantasma! Pirati? Corsari? Bucanieri? O intrepidi comandanti? No … a bordo soltanto un equipaggio di spettri, capitanati da un misterioso, sinistro personaggio:

 l’Olandese volante.

Una terribile maledizione lo costringe a vagare per l’eternità: soltanto l’amore di una fanciulla potrà salvarlo …

Chi sarà questa fanciulla? Sarà forse Senta, ragazza moderna e avventurosa, piena di sogni romantici, che in una sera d’estate decide di esplorare la soffitta del nonno, vecchio capitano di Marina? Tra polvere e vecchi cimeli c’è un antico medaglione che ritrae un misterioso giovane … sarà lui l’Olandese?  E che cosa racconta quella musica lontana e suggestiva che suona il vecchio fonografo? Racconta di un mare lontano, un mare del Nord, racconta di giovani filatrici che aspettano il ritorno dei fidanzati dal mare, racconta un mistero, forse un sogno …fonografo

Lasciamoci rapire dalla musica e dalla leggenda e immergiamoci anche noi nel sogno di Senta grazie ad AsLiCo, che anche quest’anno torna a far scoprire al pubblico dei più giovani gli illustri compositori che hanno fatto la storia dell’opera: il 22 aprile sarà nuovamente protagonista sul palcoscenico del Teatro Regio la musica di Richard Wagner, questa volta in versione interattiva e magistralmente adattata per un pubblico tra i 9 e i 13 anni da un giovane team francese, vincitore del concorso Wagner 200.

Un’occasione imperdibile per scoprire un capolavoro del teatro d’opera in una versione accattivante, alternativa e assolutamente coinvolgente: allo spettacolo può essere infatti abbinato il laboratorio Cantiamo l’opera, con il quale saranno i ragazzi stessi a dare vita alla storia cantando insieme ai protagonisti e partecipando attivamente alle scene dalla platea.

Affrettatevi: le prenotazioni di spettacoli e laboratori sono già iniziate!

Lo spettacolo:

L’Olandese volante
tratto dall’opera Der fliegende Holländer di Richard Wagnerwagner
lunedì 22 aprile 2013
ore 10 e 12
Teatro Regio
Adattamento musicale di Samuel Sené
Regia di Lucas Simon
Scene di Daniel Schahmaneche
Costumi di Clara Ognibene
Interpreti: i vincitori del 64° Concorso AsLiCo per giovani cantanti d’Europa
Orchestra 1813
Coproduzione Teatro Sociale di Como – AsLiCo, Opéra de Rouen Haute-Normandie e Theater Magdeburg
nell’ambito di Opera Domani

Gli appuntamenti per i docenti:Senta nella soffitta

Sala Caminetto
giovedì 17 gennaio 2013 ore 16-19
presentazione dell’opera e delle attività
giovedì 31 gennaio e martedì 5 febbraio 2013 ore 17-19
preparazione dei cori

E per i più piccoli?

La musica di Wagner saprà coinvolgere anche loro con Il vascello incantato, in scena al Piccolo Regio Puccini, avventura dedicata ai bambini tra i 3 e i 7 anni, in cui impareremo ad andare oltre le apparenze e a sconfiggere la paura del diverso. Anche in questo caso il giovane pubblico sarà coinvolto attivamente durante lo spettacolo: aiutiamo Senta a salvare l’Olandese!

Piccolo Regio Puccinifeluca
venerdì 24 maggio ore 10
sabato 25 maggio ore 16 (aperta anche al pubblico)
Il Vascello incantato
tratto dall’opera romantica Der fliegende Holländer di Richard Wagner
adattamento musicale per cantante, attore e pianoforte di Federica Falasconi
drammaturgia e regia di Alessandra Premoli
produzione AsLiCo – Opera Kids

Per maggiori informazioni su appuntamenti, costi e prenotazioni consultare la pagina Spettacoli, il programma completo de La Scuola all’Opera e contattare l’Ufficio Attività Scuola.

Siamo pronti per festeggiare i 200 anni dalla nascita di Richard Wagner: al Teatro Regio l’opera è davvero per tutti!